DOPO GLI ATTENTATI

Palma, Amato: «Lo Stato ci presti attenzione»

di

PALMA DI MONTECHIARO. Dal sindaco di Palma di Monte chiaro, che negli ultimi giorni ha ricevuto numerosi attestati di solidarietà per il rogo che ha distrutto i tre autocompattatori della Dedalo Ambiente che operavano in paese, arriva un nuovo appello a tutti a dire no all' illegalità, a ribellarsi alla mafia.

«Sembra minestra riscaldata - scrive Amato sul suo profilo Facebook, elogiando Gaetano Guarino, sindaco di Favara ucciso nel '46 due mesi dopo l' elezione per il suo opporsi all' illegalità - il ricordare che quanto accaduto nel cantiere della Dedalo Ambiente è il classico atto di una mafiosità, che come sempre colpisce gli interessi della società, delle persone perbene, dei contribuenti, perchè con la loro logica da delinquenti non possono che distruggere, non conoscono altro verbo. Solo arroganza e danni. Altro che onorata società, si tratta di accozzaglia di delinquenti punto e basta».

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA IL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook