TASSE

Licata, ok alla class action contro la Tarsu

di

LICATA. Via alla class action contro le “cartelle pazze” indirizzate (secondo i promotori) a molti licatesi dalla società che riscuote i tributi per conto del Comune. L’iniziativa è dell’associazione Anteas Cisl.

“È partita il 13 gennaio – annuncia Antonino Amato, presidente di Anteas - la raccolta di adesione al ricorso collettivo, per quanto riguarda l’illegittimità degli avvisi di accertamento relativi alla Tarsu. C'e' stata una grande affluenza di persone e quindi di adesioni. La gente, oltre ad aderire all'iniziativa, ha fatto rilevare che ha incontrato enormi disagi e difficoltà ad avere delucidazioni in merito alla Tarsu dagli uffici dell'Engineering. Questa affluenza – aggiunge Amato – ci spinge a continuare l’azione a difesa dei cittadini vessati da tasse (Tarsu) frutto di atti illegittimi e nell'imbarazzante silenzio da parte delle istituzioni comunali”.

A più riprese Anteas Cisl ha reso noto di avere chiesto un incontro all’amministrazione comunale, per avere delle delucidazioni, senza, però, ottenere risposta. Sulla questione della riscossione dei tributi, però, ieri è intervenuto il sindaco Angelo Cambiano.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA IL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X