L'INTESA

Licata, ok all’apertura del Museo del mare

di

LICATA. La mostra sui reperti archeologici recuperati nel mare di Licata in occasione delle campagne di scavo condotte dall’associazione archeologica Finziade è solo l’anticipazione dell’apertura del museo del mare nel chiostro del complesso conventuale di Sant’Angelo.

Comune e Soprintendenza del mare di Palermo hanno, infatti, siglato l’intesa perché quattro locali del chiostro ospitino, in maniera permanente, le antiche ancore e gli altri reperti archeologici che Finziade, in collaborazione con la Soprintendenza del mare, la Lega Navale e la guardia di finanza, ha recuperato nei fondali dell’isolotto di San Nicola. La durata dell’affidamento, a titolo gratuito, è di cinque anni. Se il museo del mare sarà allestito in tempi brevi, molto probabilmente sarà aperto prima del museo archeologico cittadino, chiuso da cinque anni, malgrado gli interventi di recupero e restauro del chiostro della Badia siano stati conclusi da almeno un paio di anni.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

TAG: ,

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X