SALMA DISSEQUESTRATA

Il delitto di Cattolica, si stringe il cerchio intorno agli assassini

Sembra probabile che oggi, a Cattolica Eraclea, possano essere celebrati i funerali

AGRIGENTO. È stata dissequestrata la salma di Giuseppe Miceli, marmista sessantasettenne, di Cattolica Eraclea, ucciso domenica 6 dicembre nel suo ufficio di via Crispi. Sembra probabile che oggi, a Cattolica Eraclea, possano essere celebrati i funerali.

Intanto i carabinieri continuano ad eseguire perquisizioni e ad interrogare numerosi conoscenti. Il cerchio attorno agli
assassini sembra stringersi. I sospetti degli investigatori si starebbero concentrando su due o più persone. A coordinare l'inchiesta è il sostituto procuratore di Agrigento Silvia Baldi.

L'artigiano, quel giorno, secondo la testimonianza del fratello maggiore, avrebbe avuto in tasca 250-300 euro, frutto di un acconto per un lavoro da eseguire nella vicina Montallegro. Oltre alla pista della rapina trasformatasi in tragedia, i carabinieri continuano ad indagare sull'ipotesi di una lite sfociata in omicidio.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X