CONTRADA TERREFORTI

Rubato del rame, impianto fotovoltaico in tilt al Villaggio Mosè

di

AGRIGENTO. Centomila euro. È il danno provocato all'impianto fotovoltaico di contrada Terreforti, all'estrema periferia del Villaggio Mosè, da ignoti malviventi che lo hanno praticamente "ripulito" dai cavi di rame. Un colpo avvenuto nottetempo che ha creato danni enormi. A presentarsi alla stazione dei carabinieri della frazione agrigentina del Villaggio Mosè e a denunciare il furto di svariati metri di cavi di rame è stato l'imprenditore-direttore della società "Eri group 1" che ha sede ad Agrigento.

Il colpo è stato talmente importante che, al momento, non sono stati quantificati neanche i metri di cavi di rame portati e si parla genericamente di "svariati". Di fatto, l'impianto fotovoltaico sarebbe stato razziato pesantemente. I militari dell'Arma hanno subito avviato le indagini. Appena qualche giorno prima del maxi furto, sempre al Villaggio Mosè, ma in contrada Gibbisa, la polizia di Stato aveva ritrovato una station wagon rubata a Messina. Una macchina che era nei pressi di un impianto fotovoltaico.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

TAG: ,

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook