DDA

Operazione Icaro, ecco la mappa della cupola agrigentina

di
Movimenti e riassetti avvenuti specie dopo l’arresto e la condanna del boss di Sambuca di Sicilia, Leo Sutera
cupola, mafia, Agrigento, Mafia e Mafie
Francesco Tarantino all’uscita della questura

AGRIGENTO. Il 26 giugno del 2012 , con 54 fermi, fu il giorno dell'operazione antimafia «Nuova Cupola». Dall'indomani, per Cosa Nostra non c'era che una necessità: "riorganizzarsi" e "ricollocarsi" nella parte centrale ed occidentale del territorio Agrigentino. A descrivere cosa sia accaduto, nel tempo successivo al blitz "Nuova Cupola", è la Direzione distrettuale antimafia di Palermo.

«Nella parte occidentale della provincia, l'arresto e la successiva condanna di Leo Sutera ha comportato - viene scritto nella richiesta di misure avanzate al Gip - la sua sostituzione con l'indagato Pietro Campo, il quale ha ricoperto - proseguono i pubblici ministeri - un ruolo di assoluto rilievo in Cosa Nostra, emergendo a chiare lettere dalle indagini la sua influenza sulle famiglie mafiose di Montallegro, Cattolica Eraclea e Ribera».

«Per Pietro Campo - proseguono - si tratta di un ritorno sul palcoscenico mafioso visti i suoi pregressi rapporti con Leo Sutera, ampiamente sviscerati dopo gli arresti eccellenti avvenuti nelle campagne di Santa Margherita Belice nel luglio del 2002 conseguenti all'operazione "Cupola"».

 

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

TAG: ,

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X