IL CASO

Sciacca, poca partecipazione al convegno sulle terme

di

SCIACCA. Appena una trentina di persone al convegno promosso anche dalla Regione sul patrimonio termale di Sciacca. Sono state aperte, per una giornata, le stufe di San Calogero, ma le scolaresche hanno disertato l' appuntamento. Con gli stabilimenti termali chiusi ormai da un anno e senza alcuna certezza sulla riapertura i saccensi sono rimasti a casa, lasciando cadere nel vuoto anche l' appello del sindaco, Fabrizio Di Paola, che aveva invitato a partecipare a quel confronto con tecnici e politici "per proporre ulteriori iniziative per scuotere dal suo lungo torpore il governo della Regione Siciliana".

La risposta della città è stata l' assenza. Hanno disertato anche gran parte dei 40 stagionali delle terme che da un anno sono a casa per la chiusura degli stabilimenti e del Grand Hotel. "Non mi aspettavo una così scarsa partecipazione e non la condivido- ha detto Di Paola - perché, pur nella posizione di contestazione nei confronti della Regione che da un lato ci chiude le terme e dall' altro utilizza risorse per la promozione, sarebbe stata una buona occasione per continuare la nostra battaglia".

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X