IN PROVINCIA

Agrigento, allarme droga: "La prima volta a 10 anni"

di

SCIACCA. Il primo contatto con la droga avviene anche a 10 anni. Bambini con gli spinelli che poi passano ad altro tipo di stupefacenti. E l’aumento del consumo di cocaina, i nuovi mercati che si aprono, l’arrivo della sostanza stupefacente dalle zone nelle quali c’è una maggiore disponibilità fa crescere anche i rischi per la salute dei consumatori.

Da Agrigento a Sciacca, dalla vasta area belicina a Canicattì e Licata, in provincia sono stati numerosi i casi di gente che, a causa del consumo di stupefacenti e in particolare della cocaina, ha subito disturbi psichiatrici fino a rendere necessario il ricovero ospedaliero. Un rischio che fotografa bene Michele Ferdico, psichiatra, per anni impegnato in provincia di Agrigento e adesso primario del servizio di Psichiatria di Corleone. «Un aspetto particolarmente negativo per la salute di chi fa uso di cocaina – dice Ferdico – è che spesso utilizza sostanza a basso costo, di scarsa qualità, con un’alta percentuale di anfetamina, particolarmente tossica per il cervello. Maggiore è l’uso di anfetamina e più alti sono i rischi di avere danni permanenti al cervello».

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook