IMMOBILI

Canicattì, gli abusivi non sgomberano e fanno ricorso

di

CANICATTI'. Continua il braccio di ferro tra i nuclei familiari destinatari del provvedimento di sgombero degli immobili popolari, occupati abusivamente e che si trovano in via dell'Industria ed in via Di Gioia a Canicattì, e l'amministrazione comunale guidata dal sindaco Vincenzo Corbo.

La strenua battaglia portata avanti dalle famiglie è finita adesso anche al Tribunale di Agrigento, al quale tre degli inquilini abusivi hanno deciso di rivolgersi per ottenere la sospensiva del provvedimento di sgombero. La decisione dei tre soggetti canicattinesi di rivolgersi al Tribunale di Agrigento ha fatto seguito al pronunciamento del TAR di Palermo, al quale si erano rivolti con l'ausilio del legale Maria Teresa Meli le tre famiglie, subito dopo l'effettuazione del sorteggio per l'assegnazione dei cinque immobili in questione, avvenuto la scorsa estate al Comune di Canicattì.

Il Tribunale Amministrativo, infatti, si è dichiarato non competente a trattare la materia oggetto del ricorso, sulla quale invece si sarebbe dovuto esprimere il giudice ordinario. Alla luce del dispositivo del TAR i tre canicattinesi nei giorni scorsi hanno presentato dettagliato ricorso al Tribunale di Agrigento ed attendono adesso la fissazione dell'udienza. I ricorrenti hanno chiesto la sospensiva del provvedimento di sgombero degli alloggi di proprietà dello IACP di Agrigento occupati abusivamente facendo leva su due ordini di motivazioni.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook