DIPENDENZA

Dilaga l'uso di droga tra ragazzini in provincia di Agrigento

di
Parla Paolo Li Bassi, psichiatra, da oltre un ventennio impegnato nel servizio del Sert

AGRIGENTO. Non meno di trentamila giovani in provincia di Agrigento fumano spinelli, il consumo di droga è dilagante. Ragazzi anche di 12 o 13 anni. C’è una deriva che sembra inarrestabile per le droghe leggere, mentre per quanto eroina e cocaina il consumo è stabile con circa duemila assuntori». Questo il quadro della situazione tracciato da Paolo Li Bassi, psichiatra, da oltre un ventennio impegnato al Sert, che parla proprio nelle ore in cui è stato messo a segno il maxi sequestro di un chilo di cocaina.

Al Servizio per le tossicodipendenze arrivano le briciole di questo stato di cose. L’attività di sensibilizzazione, anche nelle scuole, non è mancata, ma il problema sembra difficile da arginare. «E ci sono alcuni elementi che riscontriamo – afferma Li Bassi – che rendono il quadro ancora più preoccupante. Uno tra questi è lo scambio, ormai costante, di hashish, tra ragazzi che adesso si passano anche psicofarmaci che riescono a procurarsi. E questo è di una gravità estrema – continua – tanto che abbiamo registrato anche casi di giovanissimi per i quali è stato necessario il ricovero ospedaliero per i disturbi psichiatrici».

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook