AGRIGENTO

Palma, artificieri fanno esplodere bomba vicino a orfanotrofio

Gli artificieri della polizia sono arrivati da Palermo e hanno fatto detonare la bomba che conteneva circa 70 grammi di polvere da sparo, un orologio e un controller da playstation

PALMA DI MONTECHIARO. Un ordigno rudimentale dentro una valigetta è stato trovato e fatto brillare, nella tarda serata di ieri, davanti alla porta d'ingresso del collegio di Maria, in via Amendola, a Palma di Montechiaro (Ag).

Gli artificieri della polizia sono arrivati da Palermo e hanno fatto detonare la bomba che conteneva circa 70 grammi di polvere da sparo, un orologio e un controller da playstation. Il collegio di Maria, gestito da suore, ospita una scuola materna e un orfanotrofio.

Siamo abbastanza perplessi per quanto accaduto. Non carichiamolo però di eccessiva tensione. Non pensiamo all'Isis». Lo ha detto il sindaco di Palma di Montechiaro (Ag), Pasquale Amato, in merito all'ordigno rudimentale ritrovato e fatto detonare stanotte davanti la porta di ingresso del collegio di Maria.

«È certamente un atto che tentava di impressionare - spiega Amato - ed il tempestivo intervento di polizia e carabinieri ha
evitato che qualcuno potesse farsi male. La capacità offensiva della valigetta era quella di creare una grossa fiammata e
dunque ustioni su chi l'avesse aperta, non certamente uccidere. Ripeto, un atto che mirava ad impressionare».

Lo scorso 26 agosto, a Palma di Montechiaro, si era registrato un incendio all'interno della cappella dedicata alla Madonna nella chiesa Madre. Sei mesi prima e nel giugno del 2013 il portone laterale della stessa chiesa era stato incendiato.  «Non penso possa esserci alcun collegamento fra i fatti della chiesa Madre e quello di stanotte» - ha concluso il sindaco Pasquale Amato.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook