COMUNE

Canicattì, il sindaco non ha più la maggioranza in aula

di

CANICATTI'. Sarà sempre la dialettica politica ed il rapporto di forza a caratterizzare i lavori del consiglio comunale di questa sera, in seduta di prosecuzione, dopo che il sindaco ed il capogruppo Pdr-Corbo sindaco hanno ribadito di non avere più la maggioranza assoluta in aula.

Corbo, nel dopo consiglio che ha sancito la dichiarazione d'intenti di uscire da Girgenti Acque e perorare il progetto della ripubblicizzazione dell'acqua con tanto di delibera approvata all'unanimità, ha sottolineato «ormai non abbiamo più la maggioranza assoluta dei consiglieri e quindi è giusto che l'opposizione-maggioranza si faccia carico delle istanze della città e di trovare le opportune soluzioni».

Dichiarazioni che di certo alimenteranno il dibattito e le polemiche anche perché la primavera prossima la città di Canicattì dovrà scegliere il nuovo sindaco e gli inquilini del palazzo di città che da 30 scenderanno a 24.

Prima di allora però ci sono passaggi amministrativi importanti per la stessa sopravvivenza della democrazia e delle casse comunali. Già questa sera, per esempio, l'aula dovrà esaminare e votare il riconoscimento di legittimità di ben dieci debiti fuori bilancio sugli originari ventidue punti all'ordine del giorno. Tematiche che di solito registrano il fuggi fuggi dei consiglieri che temono di assumere, con la presenza ed il voto, una responsabilità erariale solidale.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook