TRIBUNALE

Palma di Montechiaro, condannato Alotto

di

PALMA DI MONTECHIARO. Assolto il dipendente del supermercato che avrebbe fatto da "cavallo di troia" fornendo indicazioni utili per estorcere denaro al suo titolare, condannato a 7 anni il secondo imputato che materialmente sarebbe andato insieme a un amico a chiedere il pizzo con tanto di millanteria di essere ambasciatori di Cosa Nostra.

Queste le decisioni del collegio di giudici presieduto da Giuseppe Melisenda Giambertoni, con a latere Giancarlo Caruso e Maria Alessandra Tedde, che ieri pomeriggio poco prima delle 18 ha emesso la sentenza del processo a carico di Giovanni Alotto, 32 anni, accusato di tre episodi di tentata estorsione (di cui due con l'aggravante), e Calogero Amato, 42 anni, accusato di un solo episodio. Quest'ultimo, difeso dall'avvocato Santo Lucia, è stato assolto. Sette anni per Alotto che tuttavia è stato assolto da una delle tre imputazioni. Il pm della Dda Emanuele Ravaglioli aveva chiesto la condanna a 7 anni e 6 mesi di Alotto per tutte le accuse e quella di Amato a quattro anni. L'episodio principale al centro del processo riguarda il presunto taglieggiamento ai danni del farmacista Claudio Miceli, titolare di un'attività a Palma. Il terzo imputato, Giuseppe Mulè, 48 anni, in abbreviato è stato condannato in appello a 5 anni e 10 mesi. Tre gli episodi al centro dell'inchiesta risalenti al periodo compreso fra il giugno e l'agosto del 2012.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA IL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook