IL CASO

Agrigento, i sindacati chiedono un incontro con il commissario dell'ex Provincia

di

AGRIGENTO. Chiedono un incontro con il commissario dell'ex Provincia, Marcello Maisano, i rappresentanti sindacali dei dipendenti dell'ente. "In attesa che la legge sui liberi Consorzi venga formalizzata - si legge in una nota - il personale continua a subire tagli e riduzioni nonostante l'attività dell'Ente continui a "permanere immutata". Comprendiamo la fase critica in cui oggi versa l'Ente, ma ci rendiamo conto che approfittando della preoccupazione dei lavoratori, in apprensione per il proprio posto di lavoro, l'Amministrazione continui a gestire, indisturbata, la situazione economico - contabile dell'Ente senza alcun controllo. Infatti vengono eliminati unilateralmente i buoni pasto, assegnate le risorse per lavoro straordinario in assenza di "Concertazione" e "Contrattazione", non tenendo conto in alcun modo di quelle che sono le prerogative Sindacali, in barba a quanto previsto dal Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro degli Enti Locali e della Norma attualmente vigente, viene preclusa la progressione orizzontale a buona parte dei dipendenti, che per molti di loro si risolverebbe nel ritrovarsi poche decine di euro in più in busta paga, a fronte di un blocco contrattuale lungo ben sei anni. Le misure intraprese dal Commissario straordinario risultano, così, essere rivolte sulla riduzione della già misera busta paga dei dipendenti, che, coscienziosamente, continuano a prestare la loro attività in silenzio.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA IL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook