POLIZIA

Valle dei templi: rallentarono le demolizioni, sei denunce

di
A loro carico, a vario titolo, ipotizzati i reati di istigazione a delinquere, oltraggio, interruzione di un servizio pubblico, minaccia, ingiuria o violenza

AGRIGENTO. Hanno cercato - prima urlando, schierandosi davanti la ruspa e minacciando l'operaio e poi sedendosi davanti al cancello di ingresso - di impedire i lavori di demolizione della villetta abusiva di contrada Maddalusa. Era il 7 settembre scorso. Ieri, un mese e mezzo dopo, la polizia di Stato ha denunciato alla Procura della Repubblica sei agrigentini. A loro carico, a vario titolo, sono stati ipotizzati i reati di istigazione a delinquere, oltraggio a pubblico ufficiale, interruzione di un ufficio o servizio pubblico o di un servizio di pubblica necessità, minaccia, ingiuria, violenza o minaccia a pubblico ufficiale.

Non soltanto, dunque, chi ha commesso gli abusi edilizi è costretto a "pagare", assistendo alla demolizione del proprio manufatto, ma anche chi cerca di rallentare o addirittura impedire il rispetto delle sentenze e dunque il ripristino della legalità. I reati vanno perseguiti. Siano essi abusi edilizi o minacce, ingiurie, oltraggi a pubblico ufficiale, fino ad arrivare alla più grave istigazione a delinquere.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA IL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook