REGIONE

Legge sull'acqua impugnata, Firetto: "Nessuna sorpresa"

di

AGRIGENTO. Il sindaco di Agrigento, Lillo Firetto non è rimasto sorpreso per la decisione del Consiglio dei ministri che ha impugnato la legge siciliana di riordino del settore. “L’impugnativa della Legge Regionale numero 19/2015, “Disciplina in materia di risorse idriche” (dell' 11 agosto 2015) è la prova provata – dice Firetto - che la nostra delibera di Giunta, del 12 ottobre scorso, era appropriata avendo colto perfettamente la contradditorietà dell'impianto normativo della legge e l'inutilità sul piano della riduzione delle tariffe”. Firetto quindi lo aveva preannunciato: «La nostra delibera sbugiardava il populismo falso e inconcludente ponendo in risalto le questioni nodali per il miglioramento della qualità del servizio e una vera e sensibile riduzione delle tariffe».

Intanto, sempre a proposito di acqua, il consigliere comunale e capogruppo di “Agrigento rinasce”, Nello Hamel, ha presentato al sindaco Firetto un’interrogazione tramite Question time, firmata anche da tanti altri colleghi. Hamel, spiega: «La società Girgenti acque, gestore del servizio idrico, ha avviato una nuova procedura di disattivazione dei collegamenti fognari per le utenze in stato di morosità.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA IL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook