CONTA DEI DANNI

Ribera in ginocchio per il maltempo, chiesto «stato di emergenza»

Ieri è stato tenuto un incontro per fare la radiografia dei siti colpiti dall’alluvione

RIBERA. Dopo la devastante alluvione che nell'arco di un'ora ha visto scorrere soprattutto dalle parti della Circonvallazione un fiume d'acqua che ha invaso siti di pubblico interesse e abitazioni ed esercizi commerciali privati, si fa la conta dei danni.

Ieri a proposito è stato tenuto un summit in presenza, tra gli altri del sindaco Carmelo Pace, appena rientrato in città dopo essere stato fuori per impegni personali. Proprio il sindaco ha voluto per l'occasione prima di tutto porgere un particolare ringraziamento al vice sindaco Alessandro Dinghile, agli Uffici comunali e al Corpo di Protezione Civile comunale, per il tempestivo intervento, fin dalle prime ore di giovedì quando le acque piovane hanno raggiunto in città livelli mai raggiunti.

Si è trattato - ha sottolineato il primo cittadino - di interventi "rivolti, in primis, all'eliminazione di quanto costituiva, o poteva costituire, un pericolo per la popolazione". Pace ha chiarito che è intendimento dell'amministrazione comunale riberese deliberare la richiesta dello "stato di emergenza" per i danni provocati alla città e all'agricoltura.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA IL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X