IL CASO

"In casa hanno ottanta cani", una coppia di Sciacca a giudizio

di

SCIACCA. Vivono in un casello ferroviario, nella zona di Capo San Marco, con un'ottantina di cani, e adesso a loro carico è iniziato il processo per maltrattamento di animali. Giuseppe Milito, di 45 anni, e la moglie, Anna Maria Bonfante, di 50, per evitare lo sgombero degli animali, disposto, con un'ordinanza, dal sindaco, hanno fatto ricorso al Tar.  Una vicenda penale e una dinanzi alla giustizia amministrativa per venire a capo della situazione. Nella prossima udienza del processo, che si celebra dinanzi al giudice monocratico Fabio Passalacqua, saranno sentiti i veterinari dell'Asp.

Per l'accusa si configura il reato di maltrattamento di animali con un così alto numero di cani ristretti in quel casello ferroviario.  Una condizione tale, sempre secondo l'accusa, da creare sofferenze agli animali. La difesa di Giuseppe Milito e Anna Maria Bonfante, rappresentata dall'avvocato Mauro Tirnetta, ribatte che in quel casello c'è anche un ampio giardino e che i cani vengono curati.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook