CONTENZIOSO

Il Comune di Canicattì blocca il pagamento alla Dedalo Ambiente

di
L’ammontare delle «quote di funzionamento» per gli esperti dell’Ente sarebbe sproporzionato rispetto ai servizi effettuati dalla società

CANICATTI'. È ancora scontro tra Comune e Dedalo Ambiente. Nonostante la scelta dell'amministrazione comunale, guidata dal sindaco Vincenzo Corbo, di non usufruire più dei servizi resi dalla società d’ambito, della quale il comune rimane comunque socio, i contenziosi tra i due enti non accennano a diminuire.

L’ultimo motivo di tensione riguarda le cosiddette «quote di funzionamento» che il Comune versa alla società privata attualmente in fase di liquidazione ed il cui ammontare, secondo i responsabili del settore Ambiente, è sproporzionato rispetto ai reali servizi effettuati dalla Dedalo Ambiente a beneficio del cantiere canicattinese. Dal settembre del 2014 il Comune ha versato nelle casse della Dedalo Ambiente la somma di 27 mila euro al mese, proprio per coprire queste spese di gestione che, però, secondo il Comune non sarebbero mai state rendicontate dalla stessa società privata, nonostante le reiterate richieste dell'amministrazione comunale.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook