EX SINDACO DI AGRIGENTO

Sodano si difende: mai colluso con la mafia

di
Dopo la requisitoria del pm della Dda, Giuseppe Fici, ieri mattina è stata la volta di uno dei legali dell’ex sindaco. Il 16 dicembre sarà la volta dell’avv. Mormino

AGRIGENTO. "I pentiti non sono attendibili ma anche se lo fossero in nessun modo è provato che ci sia stata una contropartita nel presunto accordo fra Calogero Sodano e la mafia. Basta leggere tutte le sentenze dei processi che adesso si vorrebbe rivisitare dando una lettura distorta». Dopo la requisitoria del pm della Dda, Giuseppe Fici, che al termine di tre udienze dedicate alla ricostruzione delle tesi dell'accusa ha chiesto la condanna a otto anni di carcere per concorso esterno in associazione mafiosa, ieri mattina ha replicato l'avvocato Salvatore Pennica, difensore del primo sindaco agrigentino eletto dal popolo nel 1993.

«Il pm - ha detto il legale durante la sua arringa, durata quasi due ore - sostiene che Sodano avrebbe truccato tre appalti (Nettezza urbana, urbanizzazione Favara ovest e depuratore del Villaggio Peruzzo) per ricambiare i favori elettorali avuti dal boss di Villaseta Arturo Messina. In realtà sono stati fatti tre processi che hanno escluso qualsiasi responsabilità, adesso non si può fare finta che non esistano e dare una chiave di interpretazione diversa».

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

TAG: ,

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook