AGRIGENTO

Morte in corsia, chiesta archiviazione per medico

di

AGRIGENTO. Per il pubblico ministero Alessandro Macaluso non ci sono responsabilità per la morte di Calogerino Oddo, 41 anni, avvenuta l’11 novembre scorso in ospedale dopo dieci giorni di ricovero.

Nei confronti del medico del distretto di salute mentale, dove il povero Calogerino era in cura da tanti anni, è stata chiesta l’archiviazione dall’accusa di omicidio colposo. Nessun altro, a seguito dell’autopsia che ha accertato che si è trattato di una grave forma di polmonite a provocare la morte, è stato iscritto nel registro degli indagati. Per la Procura si è trattato di un dramma inevitabile che i medici non potevano prevenire.

I familiari, invece, sostengono che un corretto approccio nella fase iniziale del ricovero avrebbe potuto evitare la morte. La richiesta di archiviazione sarà valutata dal gip perché l’avvocato Gianfranco Pilato è stato incaricato di presentare una formale opposizione. L’inchiesta è scaturita da un loro esposto con cui ricostruiscono nel dettaglio gli ultimi giorni di vita di Calogerino, in cura da ventitré anni al Centro di salute mentale.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook