ARAGONA

Maccalube, un anno fa la tragedia: messa in ricordo

di
Aragona, saranno presenti i compagi di scuola di Carmelo e Laura. Una targa ricordo per non dimenticare

ARAGONA. Il ricordo è ancora vivo, la ferita è sempre aperta. La città di Aragona ricorda ancora con molta commozione quanto accaduto la mattina del 27 settembre del 2014: due ragazzini uccisi dall’esplosione dei Vulcanelli nella riserva delle Maccalube. Carmelo e Laura Mulone, hanno perso la vita in un’area “protetta”. A distanza di un anno da quella tragica mattina, la città ancora non si da pace. Ieri, per volere della famiglia, non c’è stata nessuna iniziativa pubblica.

Domani invece, martedì 29 settembre, nel giorno del compleanno di Carmelo, che avrebbe compiuto 10 anni, si terrà una messa in chiesa Madre, con la partecipazione dei genitori, del sindaco Salvatore Parello, dei rappresentanti delle forze dell’ordine, carabinieri (il padre dei due fratellini, Rosario è un carabiniere), e della squadra di vigili del fuoco che l’anno scorso ha operato in quella triste mattinata per recuperare i corpi dei due bambini sepolti in una montagna di fango. Saranno presenti i compagnetti di scuola di Carmelo e Laura. Dopo la messa, i genitori, accompagnati da rappresentanti delle forze dell’ordine, si recheranno alle Maccalube per deporre dei fiori e una targa ricordo all’ingresso del luogo della tragedia. Il sindaco Parello è rammaricato dal fatto di non essere riuscito a stringere i tempi per giungere all’intitolazione della scuola “Fontes Episcopi” a Carmelo e Laura Mulone, in coincidenza con la data del primo anniversario della loro scomparsa. «Purtroppo – dice il sindaco – l’iter burocratico è molto lungo.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook