LAVORO

Boccone del Povero a Favara, dieci posti a rischio

di
E per i diciannove anziani ospiti della struttura, i timori di rimanere senza assistenza si fanno sempre più concreti

FAVARA. Le prime avvisaglie si erano registrate a luglio allorché ai 19 anziani ospiti della casa di riposo gestita dalle suore del Boccone del Povero fu notificato l’ordine di abbandonare la struttura entro il 31 dello stesso mese. A seguito delle aspre proteste dei familiari e di alcune mediazioni, anche da parte di amministratori locali, la data fu differita.

Oggi la vicenda si ripropone aggravata dal fatto che verrebbero licenziati i 10 operatori che provvedono ai bisogni degli anziani e della stessa struttura. A schierarsi dalla parte dei lavoratori è il consigliere comunale Calogero Castronovo secondo il quale ci sono i presupposti per continuare a tenere in piedi la casa di riposo facente parte di un lascito del barone Antonio Mendola, un filantropo scomparso agli inizi del XIX secolo. «In una città dove trovare una fonte di reddito è come un terno al lotto – dice l’esponente politico – non si possono, a cuor leggero, mandare a casa dieci lavoratori. In tal modo verrebbero destabilizzate altrettante famiglie».

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

TAG: ,

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook