SANITA'

S. Stefano, chiusura del punto nascita: si studiano le «strategie»

di
«Stabilire sinergia e concreta condivisione d’impegni per garantire l’utenza dei Comuni montani»

STANTO STEFANO QUISQUINA. Mentre si resta in attesa di capire se si riuscirà a scongiurare la chiusura dei punti nascita, i sindaci dei Monti Sicani e l'Asp di Agrigento studiano le strategie da mettere eventualmente in campo se le risposte attese da Roma dovessero essere negative.

«Stabilire una sinergia operativa e una concreta condivisione d’impegni per garantire la massima attenzione alle esigenze socio-sanitarie dell’utenza dei Comuni Agrigentini del bacino montano in relazione alla ventilata chiusura del punto nascite della clinica 'Attardi' di Santo Stefano di Quisquina». Lo hanno deciso ieri, a margine di una riunione, gli amministratori dell'area interessata e i vertici i vertici dell’Asp agrigentina. «In attesa dei provvedimenti che lungo l’asse Sicilia-Roma sono in corso di definizione fra l’assessorato regionale e il ministero della Salute, com’è noto l’assessore Gucciardi ha reiterato al ministro Lorenzin la richiesta di slittamento della chiusura dei punti nascita di Santo Stefano e Licata, l’incontro è stato l’occasione per discutere di un ventaglio di strategie da porre in essere per far fronte ad ogni evenienza ed assicurare la sicurezza e la salute dei cittadini».

 

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X