LA DECISIONE

Pulizia del Comune di Favara affidata a privati, polemiche

di
«I lavoratori socialmente utili non vogliono occuparsene, mi riapproprio della mia indennità di funzione e concedo il servizio a degli estranei»

FAVARA. Uffici comunali sporchi? Dipendenti scansafatiche? Nessun problema, interviene l’assessore Gioacchino Zarbo che ha deciso di pagare lui le pulizie affidando il servizio a personale esterno. «Ho rinunciato, assieme alla Giunta e ai consiglieri comunali, all’indennità di funzione in favore dei lavoratori socialmente utili nel momento in cui a marzo si è temuto che potessero essere licenziati – dice il componente della Giunta Manganella – e poiché gli stessi, pur essendo tenuti a farlo, non vogliono svolgere l’attività di pulizia dei locali comunali, ho ritenuto di risolvere il problema in un modo abbastanza semplice. Come? Riappropriandomi dell’indennità, a cui avevo rinunciato per sostenere la causa degli Lsu, e utilizzando la stessa somma per pagare le spese di pulizia attraverso soggetti estranei al Comune». È l’ennesima provocazione di Gioacchino Zarbo che già era entrato in rotta di collisione con la sua stessa maggioranza allorché aveva proposto dei tagli al servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti solidi urbani.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

TAG: ,

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X