RIFIUTI

Pulizia della città, a Ribera cresce il «fai da te»

A darsi da fare sono soprattutto i commercianti del centro città che negli ultimi tempi si sono dovuti con la presenza di marciapiedi ”ricchi” di sporcizia

RIBERA. Nella «città sporca» va diffondendosi sempre più il cosidetto «fai da te» per avere assicurata quella pulizia che nella «città delle arance», soprattutto negli ultimi mesi estivi, è mancata per difficoltà di varia natura.

L'amministrazione comunale retta dal sindaco Carmelo Pace ha dovuto fare i conti con la Sogeir, ormai in fase di liquidazione, e con l'aumento del fenomeno dell'abbandono ”selvaggio” dei rifiuti da parte di quelli che, nei giorni scorsi, l'assessore ai Lavori pubblici Nino Firetto ha definito ”sporcaccioni” e ai quali è prevalentemente indirizzato il servizio in borghese attuato in questi ultimi giorni da vigili urbani e con auto non istituzionali per multarli.

In queste condizioni cresce il numero dei cittadini, che non riuscendo ad avere gli spazi vitali regolarmente puliti, si dà da fare con mezzi propri e con apporto personale volontario. A darsi da fare sono soprattutto i commercianti del centro città che negli ultimi tempi si sono dovuti con la presenza di marciapiedi ”ricchi” di sporcizia sopra e sotto, perché non è stato possibile da parte della Sogeir assicurare la presenza dell'autospazzatrice, che finalmente, solo ieri, ha ripreso a pulire, né ad assicurare un servizio alternativo.TC

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X