LEGA PRO

L'Akragas guarda al match contro la Paganese

di

AGRIGENTO. «Sapevamo che avremmo affrontato questo tipo di gara che sul piano agonistico avrebbe avuto poco valore ma siamo comunque riusciti a fare un buon allenamento e lavorare su alcuni concetti di gioco che vanno ancora collaudati». L'allenatore dell'Akragas Nicola Legrottaglie manda in archivio la gara contro la Vigor Lamezia, travolta dallo scandalo del calcioscommesse che si è presentata per la prima gara di Coppa Italia di Lega Pro a Trapani con un gruppo di ragazzini.

I biancoazzurri hanno deciso di giocare la gara fino in fondo e il risultato è stata la logica conseguenza: la partita è finita undici a uno. In rete Roghi (quattro reti), Leonetti (tripletta), Capuano, Almiron e Aveni. L'undicesima rete dell'Akragas è arrivata con un'autorete di Anile. «Dobbiamo lavorare un po’ sull'intesità - ha aggiunto Legrottaglie a fine gara - ma è inevitabile alla prima uscita ufficiale ad agosto e contro una formazione di ragazzini. Sono comunque soddisfatto perché ci sono stati dei passi in avanti. Nei prossimi giorni lavoreremo sull'intensità atletica in attesa della prossima gara di Coppa Italia del 30 agosto con la Paganese. Per noi sarà l'ultimo banco di prova prima del campionato».

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X