PELAGIE

Lampedusa, esaurite le scorte di benzina

di

LAMPEDUSA. "Benzina esaurita" o quasi a Lampedusa. Problemi di carburante in piena stagione turistica sulla maggiore delle Pelagie, qualcosa sembra essersi "inceppato" nel nuovo sistema di trasporto. Il rifornimento di benzina nell'isola in passato è sempre stato risolto dalla nave "Lipari" noleggiata dall'Eni che riforniva l'unico deposito costiero di Punta Favaloro di proprietà della ditta Silvia e Figli Prodotti Petroliferi Srl, ma l'amministrazione comunale, per ridurre i costi, ha incrementato i trasporti con autobotti imbarcate sui traghetti di linea e su viaggi straordinari di merci.

«Purtroppo però - sostiene in una nota la Silvia & Figli Prodotti Petroliferi - contrariamente al trasporto a mezzo nave cisterna dell'Eni ove sono salvaguardate tutte le disposizioni in materia di sicurezza e inquinamento, per il trasporto di benzina a mezzo traghetti necessita che siano organizzati dei trasporti speciali, senza passeggeri e con limitatissimo numero di autobotti, ed è pertanto necessario che i viaggi abbiano cadenza settimanale e nei periodi estivi anche bisettimanale o più». (CAGI)

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook