ANIMALI

Cani abbandonati, l’emergenza è senza sosta ad Agrigento

di
Il fenomeno esplode sopratutto durante le vacanze. L’associazione Aronne: «Ogni estate è una guerra, ma noi siamo sempre più lasciati soli dalle istituzioni»

AGRIGENTO. C'è Farouk, "seviziato, mutilato e abbandonato" durante l'estate nella città dei templi. Ci sono le piccole Samuela, Gina e Rura, partorite in strada a Favara da una mamma abbandonata. Altri cinque cuccioli trovati tra i rifiuti a Racalmuto. Sono solo le ultime storie, fra le centinaia, dei cani abbandonati dai loro padroni durante le vacanze estive e salvati dall'associazione animalista "Aronne". Nell'Agrigentino gli abbandoni dei cani durante l'estate 2015 sembrano in continuo aumento contrariamente alla tendenza nazionale che segnala un 33% in meno (secondi i primi dati parziali diffusi dall'Aida) ma alla stessa stregua della media regionale che vede la Sicilia tra le maglie nere in Italia.

«Basta telefonate di cani e cuccioli abbandonati! Ogni estate è una guerra, ma noi siamo sempre più soli e abbandonati dalle istituzioni», è lo sfogo su Facebook di Jessica Vecchio, tra le volontarie dell'associazione animalista che oltre ad ospitare circa duecento cani nel canile li accoglie anche nelle abitazioni private dei propri soci animati da un grande amore verso gli animali.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook