COMUNE

Favara, riscossione dei tributi ai privati: stop alla determina

di

FAVARA. Sul provvedimento di fine luglio del dirigente del settore Tributi, Giusy Chianetta, che ha impegnato oltre 439 mila euro per affidare per due anni a soggetti estranei al Comune il servizio di assistenza tecnico-informatica e di supporto per la riscossione di imposte e tasse, nei giorni scorsi si è alzato un polverone dopo la denuncia dei consiglieri comunali Antonio Palumbo e Gerlando Nobile che avrebbero intravisto, in tale atto, il tentativo del sindaco di esternalizzare il servizio dopo averlo tolto all’Aipa.

I due consiglieri di opposizione, nel ricordare che il consiglio comunale aveva in tre circostanze diverse bocciato il tentativo di tornare alla gestione esterna e privatizzata dei tributi che avrebbe fatto lievitare i costi a carico dei cittadini, avevano anticipato che non avrebbero allentato la presa. In un primo momento il sindaco Rosario Manganella aveva riferito di non conoscere nei dettagli il provvedimento adottato dai suoi uffici e ha chiesto tempo per vedere le carte. Conclusa la lettura delle stesse, ieri ha comunicato di avere disposto il “blocco” della determina dirigenziale anticipando che l’argomento sarà affrontato dalla giunta municipale nel corso della settimana che inizierà domani.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X