MARE

Estate senza bagnini a San Leone

di
Firetto: «Regione ed ex Provincia hanno fatto sapere di non avere i soldi. Il Comune è in sofferenza, niente fondi per garantire il servizio per 60 giorni»

AGRIGENTO. Estate senza bagnini ad Agrigento. Colpa della crisi che ha colpito gli enti locali, ormai impossibilitati anche a garantire i servizi che ogni anno venivano erogati con regolarità. L’annuncio che non ci sono soldi e quindi conseguentemente che non sarà attivato il servizio di “baywatch” è del sindaco Lillo Firetto. La spesa per il servizio, in linea teorica, dovrebbe essere così ripartita: un terzo a carico della Regione, un terzo a carico dell'ex Provincia e un terzo a carico di palazzo dei Giganti.

Quest'anno la «Regione e l’ex Provincia - ha spiegato Firetto - hanno già fatto sapere di non avere i soldi per coprire il servizio. Il Comune è in sofferenza e non ci sono i soldi per garantire il servizio per un minimo di 60 giorni». Ed a proposito di ritardi, il presidente del comitato civico “Mani libere”, Giuseppe Di Rosa, ha diffidato l'amministrazione con una lettera con la quale chiede entro 15 giorni l’istituzione del servizio di vigilanza e salvataggio per le spiagge libere prevista per legge. Lo scorso anno, il servizio di salvataggio e vigilanza delle spiagge libere venne aggiudicato, in gran ritardo, a fine luglio ad una coop di Palma di Montechiaro.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook