UNIVERSITA'

Ad Agrigento un centro studi sul Mediterraneo e sui migranti

AGRIGENTO. Al Viminale ieri si è svolta la  riunione, presieduta dal ministro dell'Interno, Angelino Alfano,  per l'istituzione - presso il Polo Universitario della Provincia  di Agrigento - di un Centro Interdipartimentale dell'Università  di Palermo, dedicato ai temi della migrazione e della sicurezza  dell'area mediterranea.

Il progetto, che sarà avviato dal prossimo anno accademico,  sarà supportato da una convenzione sottoscritta tra  l'Università e il Dipartimento per le Libertà civili e per  l'Immigrazione del Viminale, con risorse vincolate per la sede  agrigentina. Il programma delle attività sarà ulteriormente  sostenuto da appositi progetti, definiti con i ministeri  dell'Istruzione, Università e Ricerca, della Salute e degli  Affari Esteri.    Secondo Alfano: «Questa importante iniziativa rilancia la  centralità e la vocazione di Agrigento e della Sicilia sui temi  strategici delle politiche migratorie e della sicurezza  nell'area mediterranea, attraverso un percorso di sviluppo della  conoscenza e di qualificazione tematica e culturale del Polo  Universitario della Provincia di Agrigento». Per il rettore  Roberto Lagalla «l'Università è fortemente impegnata nel  progetto promosso dal ministero dell'Interno a favore della  ulteriore valorizzazione del Consorzio Universitario agrigentino  con il quale, già ieri, nella sede del rettorato, si è  definito un virtuoso accordo di collaborazione e di  sostenibilità finanziaria e didattica delle sue attività». Per  il presidente del Cupa Maria Immordino «il Centro rafforzerà la  presenza e il ruolo del Consorzio per una efficace risposta alle  esigenze di formazione e di aggiornamento del  territorio».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook