GUP

Truffa per la cassa integrazione ad Agrigento: chiesto il giudizio per 9 imputati

di
Si tratta dei responsabili di una ditta che commercializza ossigeno e dei componenti di una commissione

AGRIGENTO. Avrebbero attestato un calo di fatturato del tutto inesistente per ottenere la cassa integrazione dei loro dipendenti. La società in realtà non soltanto non avrebbe avuto alcuna dimuzione della propria attività ma, al contrario, avrebbe esteso con altre commesse pubbliche il proprio bacino di utenza.

I responsabili della "Sapio life srl", società che commercializza ossigeno per uso terapeutico, e i componenti della commissione provinciale della Cassa integrazione e guadagni rischiano adesso di finire sotto processo con le accuse di truffa aggravata ai danni dell'Inps, abuso di ufficio e falso. Il pubblico ministero Antonella Pandolfi ha chiesto il rinvio a giudizio di nove persone. Si tratta di Giovanni Gallicchio, 61 anni, e Carlo Maria Raise, 48 anni, rispettivamente legale rappresentante e responsabile area sud della Sapio Life e di sette componenti della commissione provinciale delle Cassa Integrazione e Guadagni. Si tratta di Loredana Bongiovì, 53 anni, Francesco Mossuto, 59 anni, Giovanni Manganella, 60 anni, Umberto Nero, 63 anni, Domenico Galvano, 39 anni, Vittorio Laiola, 61 anni, e Cosimo Gigantesco, 66 anni.

 

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X