CRIMINALITA'

Palma di Montechiaro, paura per l'escalation dei roghi notturni

PALMA DI MONTECHIARO. È una vera e propria escalation criminale quella alla quale si assiste a Palma di Montechiaro e nella vicina Licata. Ormai non passa notte senza che, in un centro o nell’altro, non si registri un incendio. Le “cifre” sono da capogiro soprattutto a Licata, dove ormai da alcune settimane è divenuto elevatissimo il numero degli incendi notturni. L’ultimo episodio si è registrato all’alba di sabato, quando le fiamme sono state appiccate ad i tavolini ed alla sedie di un bar del centro storico. Incendio che è arrivato al termine di una lunga serie di roghi che hanno colpito commercianti, professionisti, casalinghe e persino pensionati.

Palma di Montechiaro, purtroppo, non è da meno in questa speciale classifica dei roghi notturni. L’ultimo episodio è quello che si è registrato nel week end, quando le fiamme hanno danneggiato l’auto di Maurilio Lombardo, 52 anni, palmese, preside dell’istituto comprensivo “Guglielmo Marconi” di Licata. A spegnere le fiamme sono stati gli agenti del commissariato di polizia del Villaggio Giordano, coordinati dal vice questore aggiunto Angelo Cavaleri. L’origine del rogo è da stabilire.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook