COLLEGAMENTI

Linosa irraggiungibile: è rivolta anche sul web

di
Il traghetto spesso non arriva per il mare mosso e il mezzo veloce non viene più garantito da sette mesi. Un tracollo per il turismo

LINOSA. Da sette mesi non hanno più l’aliscafo per andare o tornare da Lampedusa. Per spostarsi sulla più grande delle isole Pelagie, a Linosa, gli isolani fanno affidamento esclusivamente sul traghetto di linea. Motonave che, anche ieri, ad esempio, non è salpata da Porto Empedocle per il forte vento e il mare mosso nel Canale di Sicilia. Tutte le speranze erano state riposte nella gara d’appalto di venerdì scorso. Andata però deserta, e per la quinta volta, è scoppiata la protesta. Ieri mattina, gli isolani sono scesi in piazza.

In mano avevano cartelloni e striscioni con queste scritte: «La fede in Dio è l’unica cosa che ci resta, solo nell’aldilà saremo di serie A», «Negli anni ’70 confino per i mafiosi, nel 2015 confino per i linosani», «La continuità territoriale è un diritto costituzionale. Abbandonati dallo Stato, chiediamo asilo politico». Dalla piazza principale dell’isola alla sede distaccata del Municipio il passo è stato breve. I linosani si sono spontaneamente «confinati» all’interno della sede della delegazione comunale. E sarà un’assemblea permanente. «Fino a quando - annunciano, indignati, i linosani - non sarà trovata una soluzione».

 

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook