IL CASO

Abusivismo nella Valle dei Templi, 20 case da abbattere

di
Oggi riunione con il prefetto dei tecnici di Soprindentenza, Comune ed Ente Parco per definire l’iter da seguire per avviare le ruspe

AGRIGENTO. Sono venti, forse 21. Vanno da Poggio Muscello a Maddalusa. Sono un ovile, delle residenze rimaste sotto forma di "scheletro", solo sul piano terra, e un immobile con due elevazioni. Sono stati individuati come immobili già acquisiti al patrimonio di Comune o di Sovrintendenza. Compongono l'elenco del ristretto numero di casi per i quali, in tempi brevi, - questo almeno l'obiettivo - si faranno arrivare le ruspe.

Ruspe che non cancelleranno l'abusivismo edilizio nella valle dei Templi, ma che certamente inizieranno a ripristinare - cosi come intimato dalla Procura di Agrigento - la legalità nella zona del parco archeologico della valle dei Templi. Un atto di buona volontà. Il primo. Perché per gli altri 630 immobili abusivi ci vorrà del tempo. Molto tempo. Sarà infatti necessario concludere l'iter di acquisizione al patrimonio e verificare se, poi, vi saranno ricorsi e controricorsi.

 

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X