PROCESSO

Ecap, Regione ammessa come parte civile

di
Rigettate le richieste della difesa che aveva sollevato alcune eccezioni di natura formale

AGRIGENTO. Le richieste della difesa, che avevano sollevato alcune eccezioni di natura formale, sono state rigettate: la costituzione di parte civile dell’assessorato alla Formazione della Regione Sicilia è stata ammessa. Lo ha deciso il gup Alessandra Vella davanti alla quale si celebra l’udienza preliminare del processo per le presunte irregolarità legate all’istituto di formazione Ecap a partire dal 2010.

Analogo provvedimento per l’avvocatessa Laura Grado, indicata nei capi di accusa come vittima di calunnia da parte del principale imputato, l’avvocato Ignazio Valenza, ex presidente dell’istituto, e per la madre della giovane professionista che sarebbe stata invece costretta a sottoscrivere delle buste paga senza avere incassato la retribuzione. Nessun imputato ha chiesto riti alternativi, di conseguenza il pm Andrea Maggioni ha ribadito la richiesta di rinvio a giudizio per tutti gli imputati. Si decide il 26 giugno. L’indagine prende le mosse da alcuni accertamenti su quattro stabilizzazioni contrattuali. Sul banco degli imputati, oltre a Valenza, siedono i marescialli Antonino Arnese, 46 anni, ex comandante del Nucleo Ispettorato del lavoro, e Vincenzo Mangiavillano, 59 anni, ex comandante della sezione di polizia giudiziaria della Procura.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

TAG: ,

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook