TRIBUNALE

Tragedia al centro commerciale "Le Rondini", due a processo

di
Per la morte di un operaio di 48 anni

AGRIGENTO. «Le ricostruzioni effettuate dagli inquirenti hanno permesso di appurare che sarebbe bastata l’ordinaria manutenzione dell’immobile ed il rispetto delle norme di sicurezza per evitare la morte dell’operario empedoclino che lascia una moglie e due figli»: la vicenda giudiziaria scaturita dalla morte di Giuseppe Milizia, 48 anni, operaio di Porto Empedocle precipitato dal tetto del capannone del centro commerciale Le Rondini, dove stava eseguendo dei lavori di manutenzione ordinaria, approda in aula.

L’incidente si è verificato l’11 ottobre scorso. L’inchiesta del pubblico ministero Carlo Cinque, che ha coordinato l’attività investigativa della Guardia di Finanza, si è conclusa con un provvedimento del gip che manda a processo due indagati ritenendo superflua l’udienza preliminare. Si tratta di Giuseppe Burgio, 51 anni, noto imprenditore agrigentino, e Michele Benedetto Percorelli, 56 anni, suo dipendente.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X