FORMAZIONE

Ecap Agrigento, tasse non pagate sugli stipendi: sequestro di beni per l’ex presidente

di
Il provvedimento della Procura riguarda Ignazio Valenza. Il valore complessivo è di 103 mila euro

AGRIGENTO. Tasse non pagate sugli stipendi dei dipendenti dell’Ecap, istituto di formazione già finito al centro di un terremoto giudiziario che ha coinvolto anche due sottufficiali dei carabinieri. Il gip Francesco Provenzano, su richiesta della Procura, ha disposto un sequestro preventivo dei beni – per un valore complessivo di 103 mila euro, pari all’ammontare della presunta evasione – dell’avvocato Ignazio Valenza, ex presidente dell’ente.

Il sequestro scaturisce dall’indagine principale che ha fatto finire a processo lo stesso Valenza, di cui il pm Andrea Maggioni, titolare dell’inchiesta, aveva chiesto gli arresti domiciliari senza ottenerli, e altre cinque persone: tre dipendenti dell’istituto e due carabinieri. Il procedimento principale, giunto alla fase dell’udienza preliminare, ipotizza delle stabilizzazioni illegittime e una serie di episodi collegati come ad esempio un’ispezione addomesticata in cambio dell’assunzione della moglie del maresciallo Antonino Arnese, ex comandante del Nucleo Ispettorato del lavoro. Il sequestro a carico di Valenza, invece, è stato disposto nell’ambito di un’indagine nella quale è indagato il solo avvocato con l’accusa di evasione fiscale.

 

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook