L'EMERGENZA

Rifiuti, la discarica Salinella-Saraceno non chiuderà

di
È questo il risultato conseguito ieri da sindaci e assessori di questi Comuni che si sono «autoconvocati» alla Presidenza della Regione di Palermo

AGRIGENTO. Domenica 3 maggio non chiuderà, come era stato previsto, la discarica Salinella-Saraceno nella quale conferiscono i rifiuti 17 Comuni della fascia occidentale dell'agrigentino. Lunedì 4 maggio un gruppo di tecnici dell'Arpa, della Provincia e dell'Asp effettueranno un sopralluogo per verificare la possibilità di far confluire rifiuti ancora per un mese nell'impianto e, intanto, partiranno i lavori di ampliamento della vasca V3.

E' questo il risultato conseguito ieri da sindaci e assessori di questi Comuni che si sono autoconvocati alla Presidenza della Regione. Gli amministratori comunali si sono confrontati per diverse ore con i dirigenti dell'assessorato regionale al Territorio. Durante la riunione è stato contattato, telefonicamente, anche il Presidente della Regione, Rosario Crocetta. "E' una soluzione che scongiura una gravissima emergenza ambientale - dice l'assessore Gaspare Sala, del Comune di Caltabellotta - perché non c'era alcuna certezza di potere scaricare i rifiuti a Siculiana, l'impianto più vicino". "E dovendo trasferire i rifiuti in altre discariche - gli fa eco l'assessore Gaetano Cognata, del Comune di Sciacca - i costi sarebbero schizzati alle stelle e tutto sulle spalle dei cittadini".

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X