TRIBUNALE

Prostituzione e riti Woodoo: cinque condanne ad Agrigento

di
Le pene inflitte ai nigeriani vanno da tre a otto anni. Vennero arrestati il 2 maggio con l’accusa di aver sfruttato le connazionali che facevano arrivare in Italia

AGRIGENTO. Cinque condanne a pene comprese fra i 3 anni e 8 mesi e i sei anni di carcere. Sono state inflitte nei confronti di un gruppo di nigeriani arrestati il 2 maggio scorso con l’accusa di avere sfruttato delle connazionali facendole arrivare in Italia per poi destinarle alla prostituzione. La sentenza è stata emessa, al termine del processo con rito abbreviato che ha quindi consentito agli imputati di ottenere della riduzione di un terzo della pena, dal gup Stefano Zammuto.

Sei anni di reclusione ciascuno sono stati inflitti a Destiny Obuh, soprannominato «Bros Happy», 32 anni, ritenuto il capo dell’organizzazione; Uche Obuh, 24 anni, soprannominata Vera; Bridget Owanlengba, 26 anni, detta Angela; 5 anni e 8 mesi a Endurance Obuh, 28 anni; 3 anni e 8 mesi infine per Famous Erengbo, 38 anni. Le donne, secondo quanto ricostruito in una delle udienze precedenti dal pm Salvatore Vella durante la requisitoria, sarebbero state ingaggiate nel loro Paese con l’offerta di un “pacchetto” viaggio-lavoro.

 

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X