SERIE D

«Akragas-day», novanta minuti per un sogno

di
La squadra ad un passo dal ritorno nella terza serie che manca dal lontano 1985. Bisogna portare a casa almeno un punto contro l'Hinterreggio

AGRIGENTO. Novanta minuti che valgono trenta anni di storia. Dal lontano 1985 l'Akragas non ha più riassaggiato la terza serie. Da allora è stata abolita la distinzione fra serie C1 e C2. La Lega Pro unica raggruppa le retrocesse dalla B e le promosse dalla D. Dall'Eccellenza alla Lega Pro in appena tre anni. Per tanti è un sogno che sta diventando realtà.

La formazione agrigentina per staccare il biglietto per la terza serie deve portare a casa almeno un punto contro l'Hinterreggio. Si potrebbe festeggiare persino con una sconfitta se il Rende, che ospita la Leonfortese, non dovesse andare oltre il pareggio. L'euforia attorno alla squadra è al massimo. All'allenatore Vincenzo Feola, come sempre, spetta il compito di gettare acqua sul fuoco. «Siamo contenti di avere l'opportunità di scrivere una pagina storica del calcio agrigentino ma al tempo stesso - commenta il tecnico - siamo sereni e consapevoli delle nostre possibilità. Vogliamo tornare a casa con almeno un punto per chiudere il discorso legato alla promozione».

 

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook