LA PROPOSTA

Sciacca, Monte ai preti: "Aprite le chiese ai turisti"

di
L'assessore ai beni culturali ai sacerdoti delle parocchie

SCIACCA. "Aprire le antiche chiese del centro storico, di mattino e di pomeriggio, per dare la possibilità ai visitatori di ammirare gli splendori artistici e architettonici, espressione della fede e della sensibilità di un popolo". È la proposta contenuta in una lettera dell'assessore ai Beni Culturali, Salvatore Monte, indirizzata ai sacerdoti che operano nelle parrocchie.

"Le chiese sono prima di ogni cosa luoghi di culto - gli ricorda l'arciprete, don Carmelo Lo Bue - e rimangono aperte quando c'è il sacrestano che può sorvegliare e dunque nelle ore in cui è in servizio". Monte ha lanciato la proposta tutta proiettata verso la stagione estiva che sta per iniziare. Scrive proprio "in vista dell'avvio della stagione estiva, durante la quale la città sarà invasa da innumerevoli turisti" quando chiede "di poter garantire per gran parte della mattina e del pomeriggio l'apertura delle parrocchie ricadenti nel centro antico cittadino, per incrementare un turismo religioso che richiede la possibilità di accedere agli storici luoghi di culto".

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X