LA STRUTTURA

Sciacca, allarme per il Grand Hotel: "Resta poco tempo"

di
A parlare il patron dell'Aeroviaggi Mangia

SCIACCA. "Posso aspettare ancora qualche giorno e poi mi farò da parte perché non ci sarebbero più i tempi tecnici per preparare l'albergo ed avviare la stagione che di fatto è già iniziata". Lo dice Antonio Mangia, patron dell'Aeroviaggi, che, nei giorni scorsi, ha annunciato che avrebbe presentato un'offerta per la gestione, fino a gennaio del prossimo anno, del Grand Hotel delle Terme. Dalla Regione anche ieri nessuna notizia sulla firma del presidente, Rosario Crocetta, sull'atto di indirizzo che consentirebbe al liquidatore di pubblicare il bando. Mangia, accompagnato dal sindaco, Fabrizio Di Paola, ha effettuato, nei giorni scorsi, un sopralluogo al Grand Hotel. E' possibile, però, che ci siano anche altri imprenditori interessati. Qualche nome circola in città negli ultimi giorni. Se il bando non verrà pubblicato, però, l'albergo per quest'anno rimarrà chiuso e gli stagionali a casa. "Io sono stato contattato, una quindicina di giorni fa, dal sindaco - dice Mangia - e ho dato la mia disponibilità per un servizio verso la città, consapevole di potere anche perdere dei soldi in un periodo di gestione così breve. Se non se ne farà nulla non sarà certo per colpa mia". Mangia opera da circa un ventennio in città con i quattro alberghi di Sciaccamare che fanno registrare, complessivamente, circa 270 mila presenze all'anno.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X