IL CASO

Confartigianato: "Strade chiuse, turismo e commercio danneggiati nell'Agrigentino"

AGRIGENTO. Agrigento sempre più isolata dal resto della Sicilia con strade e collegamenti da dopoguerra. Le interruzioni sulla 189, i ritardi nel raddoppio della 640 e il Ponte Morandi chiuso in parte, rendono la città sempre meno appetibile per turisti e pe ril commercio. A chiedere la massima attenzione alle istituzioni preposte, è stavolta il presidente dei Confartigianato Trasporti Salvatore Di Piazza, componente del Consiglio nazionale. «È urgente - ribadisce - un concreto intervento da parti di tutti gli organi, se il caso intervenga il Genio Militare al fine di creare una mobilità sicura e sostenibile. Si stanno registrando già numerosi incidenti tra la SS 189 Palermo - Agrigento, in quanto unica via di collegamento tra la Sicilia Meridionale e Settentrionale, oggi questo tratto non è in grado di sostenere un flusso intenso di questa portata, sia per la natura stessa del tratto che per il fatto che ci sono dei cantieri aperti che aumentano il rischio di incidenti.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X