ZONA MONTANA

Santo Stefano Quisquina, donata dal Rotary l’elisuperficie

di
Verrà inaugurata domani mattina alle 10,30, nell’area adiacente alla Casa di cura "Attardi". Sarà presente il prefetto di Agrigento Nicola Diomede

SANTO STEFANO QUISQUINA. Servirà al soccorso medico-sanitario d'urgenza, ma anche in caso di eventuali calamità o altre necessità. E' l'elisuperficie che si inaugura domani, alle 10,30, nell'area adiacente alla casa di cura "Attardi" di Santo Stefano Quisquina. Un'opera interamente finanziata dal Rotary club Bivona "Montagna delle Rose-Magazzolo" e realizzata sull'area di proprietà della casa di cura. Già tante volte, in passato, nel territorio della montagna, per incidenti stradali o sul lavoro, c'è stato bisogno di un elisoccorso. E' sempre però mancato il punto d'appoggio, ossia l'elisuperficie.

«Il progetto è nato negli anni scorsi - ha spiegato Mario Costa, presidente del Rotary club Bivona "Montagna delle Rose-Magazzolo" - e si è sviluppato attraverso una costante azione di raccolta fondi alla quale i presidenti del club che si sono succeduti hanno dedicato un gran numero di attività e di eventi. La generosità di aziende, sensibili all'iniziativa, ha facilitato l'iter del progetto che si è realizzato in questo anno rotariano 2014-2015, anno del decennale dalla fondazione del Rotary club Bivona». Con l'inaugurazione dell'elisuperficie il club celebra, quindi, il decimo anniversario della consegna della carta, avvenuta il 20 marzo 2005, e lo fa nel modo più degno per una associazione di "servizio" qual è il Rotary club.

Leggi la versione integrale e le altre notizie in edicola o sul giornale digitale CLICCA QUI

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook