CUPA

C’è uno spiraglio per il Consorzio Universitario di Agrigento

Nella finanziaria sarebbero stati inseriti 4 milioni e 290mila euro per i tre poli decentrati

AGRIGENTO. Politici e funzionari del Consorzio universitario, chiamati a “raccolta” dagli studenti che temono la soppressione della sede distaccata di Agrigento dell’ateneo palermitano. Ieri si è tenuta un’assemblea con la preside Maria Immordino, alcuni deputati regionali, sindacalisti e candidati a sindaco ed al Consiglio comunale di Agrigento.

Durante i lavori dell’assemblea è stata data notizia che nella finanziaria approvata dalla Giunta regionale sarebbero stati inseriti 4 milioni e 290mila euro che dovranno garantire la copertura del contributo ordinario per i 3 poli decentrati dell’Isola. Fondi che saranno suddivisi, pare, in base al numero di studenti ma che comunque andranno a garantire solo la quota ordinaria di circa un milione di euro. L’ex Provincia, per poter sostenere il Consorzio però chiede un altro milione e 200mila euro che dovranno servire per coprire il buco dello scorso anno e le spese del 2015. Ci sono stati momenti di tensione con gli studenti piuttosto insofferenti con riguardo alla passerella elettorale di aspiranti sindaci e consiglieri comunali.

Leggi la versione integrale e le altre notizie in edicola o sul giornale digitale CLICCA QUI

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook