SANITA'

Asp, chiude l’emergenza neonatale ad Agrigento. La Cgil scrive al ministro Lorenzin

di
«Evidentemente la tragedia di Nicole non ha insegnato nulla a nessuno»

AGRIGENTO. «La tragica fine della piccola Nicole non ha insegnato proprio niente». È l’interrogativo che si pongono il segretario della Cgil agrigentina Massimo Raso e il responsabile provinciale del settore Salute e politiche sociali Caterina Santamaria intervenendo sulla scelta della Regione, di chiudere il servizio di trasporto di emergenza neonatale ad Agrigento.

«Facciamo fatica - scrivono in una lettera aperta indirizzata al ministro della salute Beatrice Lorenzin, al presidente Crocetta, a sindaci, commissari e a tutte le istituzioni interessate - a capire e a trovare argomenti che possano giustificare e supportare tale scelta. A cosa, a chi, pensavano quando hanno deciso e con chi, di privare Agrigento del servizio di trasporto di emergenza neonatale? È forse sfuggito loro, il fatto che la provincia di Agrigento è la quarta per numero di abitanti, numero di comuni, estensione territoriale e strutture sanitarie pubbliche e private di cui 5 dotate di unità operative di ginecologia ed ostetricia e con quasi 4.000 parti nel 2014».

Leggi la versione integrale e le altre notizie in edicola o sul giornale digitale CLICCA QUI

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X