MONTENEGRO

Il cardinale di Agrigento: «Serve un servizio idrico efficiente»

di
Gestione pubblica o privata? Interviene don Franco: «La questione non è riportare tutto a com’era prima della costituzione degli Ato, ma di garantire un diritto»

AGRIGENTO. «È necessario stabilire un servizio idrico efficiente per tutti ad un prezzo equo e omogeneo, partendo dalla comune consapevolezza che l'acqua è patrimonio dell'umanità. Occorre dialogo per evitare tensioni sociali e ristabilire la giusta serenità». Ieri, giornata mondiale dell'acqua, in sintonia con quanto ha detto all'Angelus papa Francesco, l'arcivescovo di Agrigento il cardinale Francesco Montenegro ha voluto sottolineare che "l'acqua è vita e come tale è sacra".

LE PAROLE DI DON FRANCO. «Ritengo che la questione di fondo - ha spiegato - non è riportare tutto a come era prima della costituzione degli Ato idrici, poi sciolti, o ricercare responsabilità in amministratori poco oculati a livello nazionale, regionale, locale che, con contratti a lunga scadenza, hanno lasciato ad altri sorti e futuro del bene acqua. Oggi, in un momento di grande crisi economica, i cittadini, le famiglie numerose o in difficoltà, hanno bisogno di sentirsi tutelati, di non dover affrontare spese ingenti per il bene vitale, di sapere che il principio di sussidiarietà è ancora valido.

Leggi la versione integrale e le altre notizie in edicola o sul giornale digitale CLICCA QUI

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X