AVVELENAMENTO

Mangiano mandragora: gravi padre e figlio a Sciacca

di
L’uomo, 50 anni, e il figlio di 12, avevano raccolto la pianta velenosa, scambiandola per borragine. L’appello dei medici: fare più attenzione

SCIACCA. Il padre di 50 anni e il figlio di 12 raccolgono, in campagna, mandragora scambiandola per la borragine. Ne mangiano in discreta quantità, vengono colti da malore e trasferiti in ospedale. Provvidenziale l’intervento dei medici della Rianimazione che sono riusciti a salvarli. Il padre è stato intubato e le sue condizioni sono rimaste critiche per molte ore. Meno grave la situazione del figlio, subito sottoposto a una lavanda gastrica.

«I due pazienti – dice il direttore dell’unità operativa di Rianimazione, Ninni Pacifico - quando sono arrivati in ospedale presentavano allucinazioni, tachicardia e problemi respiratori. Il padre, soprattutto, era in condizioni particolarmente critiche. Quando i pazienti sono arrivati dal pronto soccorso abbiamo fatto subito la diagnosi di intossicazione acuta da mandragora, che è una pianta velenosa. Per fortuna l’antidoto specifico era disponibile presso il nostro reparto e subito è stato somministrato. Si tratta di un farmaco salvavita che, talvolta, neppure si trova. Averlo disponibile e non doverlo richiedere – aggiunge Pacifico - ci ha consentito di operare con tempestività e tutto a beneficio dei pazienti».

Leggi la versione integrale e le altre notizie in edicola o sul giornale digitale CLICCA QUI

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook